Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Storia su Prato"

Giovedì, 03 Dicembre 2020 - aggiornato alle 10:57

| Iscriviti gratis al giornale | Visite totali: 1.715.325 - Pagine viste: 18.702.871

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

1.325

10.729

395

2.008

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

Nessun articolo simile trovato
  • Torna indietro
    Storia 06/07/2015 alle 15:57 Firma: yamalac Stampa articolo

    GLI ANEDDOTI

     

     

     

    IMPEGNO CONDIZIONALE


    Si dice che la signorina de Guise pregò suo fratello di non giocar più, perchè perdeva sempre. - Sorella mia, le ri­spose questi, io non giocherò più quando tu non farai più all'amore. - Cattivo! rispose ella, non ti correggerai mai più!

     


    UNA GENEROSA RISPOSTA

    In procinto di partire per la spedizione contro i Persiani, Alessandro fece larghissimi doni ai suoi amici. E siccome egli aveva distribuito quasi tutte le riserve del dominio rea­le, Perdicca gli domandò: - Che cosa dunque tenete per voi? - Mi tengo la speranza, rispose Alessandro. - Eb­bene, noi la divideremo con voi, riprese Perdicca, noi che siamo fratelli d'arme. - E rifiutò il dono che Alessandro voleva fargli.

     


    Emetico provvidenziale.


    L'ernetico che aveva guarito Luigi XIV, gravemente mlato a Calais, procurò la morte di Mazzarino. Si disse, in questa congiuntura, che quella medicina aveva salvato due volte la Francia.


    Un critico inesorabile.


    IL principe di Condé riuniva sovente a ChantiIIy gli uo­mini di lettere e si compiaceva di discorrere delle loro opere, delle quali era giudice di buon gusto. Quando, du­rante queste conversazioni letterarie, egli sosteneva una buo­na causa, parlava con grazia ed affabilità, ma quando pero­rava una cattiva causa, non bisognava contraddirIo: egli tra­scendeva ed era pericoloso il contendergli la vittoria. In una disputa di questo genere, il lampo dei suoi occhi spa­ventò a tal segno Boileau, ch'egli prudentemente tacque e disse a voce bassa ai suoi vicini: - D'ora innanzi sarò sempre del parere del principe ... quando avrà torto.



    « Torna indietro | Fonte: http://www.pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento