Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Scienze e Tecnologie su Prato"

Lunedì, 08 Marzo 2021 - aggiornato alle 11:27

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

3.322

26.072

379

2.060

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

Nessun articolo simile trovato
  • Torna indietro
    Scienze e Tecnologie 26/03/2013 alle 08:29 Firma: Lara Fossi Stampa articolo

    21 Marzo, equinozio di Primavera?

    Contrariamente a quanto si impara a scuola, non è detto che l’inverno astronomico  si concluda  sempre il 21 Marzo. Quest’anno infatti il momento di equinozio, che determina l’inizio della primavera astronomica si è verificato con un giorno di anticipo, esattamente venti giorni dopo l’inizio della primavera metereologica (fissata convenzionalmente  il 1 del mese).

    Infatti il 20 Marzo alle ore 11:02UTC (12:02 ora italiana), il Sole durante il suo moto apparente, ha attraversato il punto di intersezione fra l’eclittica, ossia il percorso apparente del Sole durante l’anno, e l’equatore terrestre. Essi hanno un’inclinazione reciproca di 23°27’ e si intersecano in due punti: il punto gamma o punto d’ariete, e il punto omega o punto di libra; il primo corrisponde all’equinozio di primavera e il secondo a quello d’autunno.

    L’equinozio è conosciuto da tutti come il giorno in cui il dì e la notte hanno uguale durata (da latino equus nox), ma questo non si verifica del tutto. Se si effettuassero delle misure, si osserverebbe che in realtà il dì ha una durata superiore a quella della notte. Questa apparente contraddizione si può spiegare ricorrendo al concetto di rifrazione atmosferica, ossia quel fenomeno per il quale i raggi del Sole vengono deviati dagli strati dell’atmosfera, facendo apparire l’astro più alto sull’orizzonte di quanto non sia. Per questo ai nostri occhi appare che sorga prima e tramonti dopo di quanto non faccia e questo porta ad un errore nella misura.

    Tralasciando i tecnicismi, con l’equinozio di primavera il Sole “sale” nell’emisfero boreale, segnando il progressivo allungamento del dì rispetto alla notte nel nostro emisfero, e il suo accorciamento in quello australe. Un discorso a parte merita la situazione ai poli; in Artide è cominciato il giorno polare (qui il Sole non scenderà sotto l’orizzonte fino al prossimo equinozio di autunno), mentre in Antartide ci si prepara ad una notte lunga sei mesi.

    Il giorno dell’equinozio di primavera è stato fin dall’antichità un evento  molto importante per tutte le culture;  sono moltissimi infatti le credenze e i rituali legati a questo particolare momento dell’anno, da sempre simbolo della rinascita e della fertilità.

    Anche per la religione cristiana questo giorno ha un grande significato, tanto che è proprio a partire dall’equinozio che viene calcolato il giorno di Pasqua:  essa viene infatti celebrata sempre la prima Domenica contemporanea o successiva al primo plenilunio primaverile. Per questo non si può verificare né prima del 22 marzo né dopo il 25 Aprile.

    Sono due gli incontri organizzati dal Centro di Scienze Naturali di Galceti riguardanti i cambiamenti nel cielo notturno in seguito all'avvento della primavera:  

    Giovedì 28 Marzo - "La Pasqua in astronomia: storia, simboli e cronologia"

    Venerdì 5 Aprile   - Osservazione di Arturo

    Ulteriori informazioni sono disponibile sul sito www.csn.prato.it                                  

     

    Lara Fossi


    « Torna indietro | Fonte: Pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento