Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Prato su Prato"

Mercoledì, 20 Gennaio 2021 - aggiornato alle 0:31

Prato | Montemurlo | Carmignano | Vaiano | Poggio a Caiano | Vernio | Cantagallo | Italiana | Periferia | Iscriviti gratis al giornale | Visite totali: 1.736.727 - Pagine viste: 18.943.285

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

8.065

108.848

35

70

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Nessun tags al momento

Articoli simili pubblicati

Nessun articolo simile trovato
  • Torna indietro
    Prato 24/10/2011 alle 16:50 Firma: pc/riceviamo e pubblichiamo pratoreporter.it Stampa articolo

    Prato. Ardita (Idv): "L'assessore Milone non ha argomenti seri

    Prato. Ardita (Idv): "L'assessore Milone non ha argomenti seri per rispondere del suo operato"
     

    “Quando l'assessore Milone non ha argomenti, scende sul personale per tentare di denigrare l'avversario politico. Sappia che non mi farò trascinare su questi bassi livelli”, così replica Salvo Ardita, Segretario provinciale Idv Prato, all’intervento dell’assessore alla sicurezza del comune di Prato, Aldo Milone che, dopo l’omicidio di un giovane albanese nei giardini del quartiere del Soccorso, lo ha sminuito come regolamento di conti fra bande e ha accusato Ardita di sciacallaggio politico dopo che quest’ultimo aveva fatto notare le difficoltà in cui si trova la città sotto il profilo della sicurezza.   

    “Ciò che dispiace e che ci preoccupa, è che l'assessore, da amministratore di questa città, continua a sviare gli argomenti proposti dall'Idv che, se da un lato sono politici, dall'altro sono squisitamente tecnici", continua Ardita. "Prato è terreno fertile, da anni, per la malavita organizzata italiana e straniera. Gli sforzi della Polizia, che ringraziamo sempre e della quale, in qualità di investigatore, ho fatto parte per ben 35 anni, sono enormi, mentre gli sforzi dello Stato centrale per fornirle i mezzi di contrasto sono assolutamente insufficienti".

    "A questa situazione - continua Ardita - si aggiungono le idee senza senso dell'assessore Milone e della Giunta pratese, capace solo di chiedere militari che girovagano per le vie del centro storico al solo fine propagandistico e per lo più accompagnati da poliziotti e carabineri che così vengono distratti dai loro compiti influendo negativamente sugli organici già di per sé ridotti al minimo. Se il  milione di euro speso per i militari fosse stato investito per potenziare i servizi investigativi della Polizia, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza quali risultati si sarebbero ottenuti in questi due anni e mezzo?”.

    La criminalità non la si combatte a chiacchiere o con l'immagine – aggiunge Ardita - ma bisogna avere il coraggio di saper chiedere i giusti strumenti per questa città, che deve combattere contro le infiltrazioni mafiose, camorristiche, che ha al suo interno una mafia cinese che attraverso l'immigrazione clandestina, l'usura, il racket e le rapine, fa introiti ecomici e si potenzia. E l'Amministrazione Cenni e Milone che fanno? Chiedono rinforzi di persone che nulla hanno a che vedere con il contrasto al crimine ma che addirittura creano problemi alle forze dell'ordine. Di questo, in primis, ne è responsabile Milone e questo è ciò che gli imputiamo”.

    “Gli ambienti investigativi delle forze dell'ordine a Prato sono al collasso", conclude il segretario provinciale Idv  Prato. "Migliaia di conversazioni telefoniche intercettate non possono essere tradotte per mancanza di interpreti che il Governo non mette a disposizione; manca la carta, i toner. Se i mezzi si guastano è un problema ripararli, manca la benzina, e si spendono soldi per i militari? Soldi spesi solo solo per far capire ai Pratesi che la Giunta è cambiata. Se ne sono accorti, eccome se se se ne sono accorti che è cambiata! L'amministratore alla sicurezza, se si vuole ancora definire tale, svolga il suo ruolo nella giusta misura, formuli le giuste richieste al Ministro, e si sappia confrontare con i cittadini pratesi".


    « Torna indietro | Fonte: Pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento