Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Musica su Prato"

Lunedì, 16 Dicembre 2019 - aggiornato alle 14:57

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

13.997

105.338

699

3.195

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

  • Ultimi appuntament..

    giovanidomani mercoledì 21 dicembre alle 21,30 e giovedì alle 22, ex macelli in scena.. Segue

  • Open lab: musica i..

    una due giorni fatta di perfomances, presentazioni, incontri,composizioni e scomposizioni, questo il work shop.. Segue

  • secondo appuntame..

    secondo appuntamento del festival delle colline nel cartellone della prato estate .. Segue

  • Venti contrari, pe..

    venti contrariun viaggio per violino e parolecongil morgenstern, violinomarco gambino, voce recitante sab.. Segue

  • Torna indietro
    Musica 20/01/2013 alle 19:15 Firma: Massimiliano Bandini Stampa articolo

    Verso Sanremo 2013: i "Marta sui tubi"

    Nome: Marta sui tubi (gruppo) Canzoni: -Dispari -Vorrei Scheda La band siciliana "Marta sui tubi" si forma grazie all'unione artistica del cantante marsalese Giovanni Gulino e del chitarrista Carmelo Pipitone nel 2000. Dopo varie serate a giro per la Sicilia in cui presentano di volta in volta i loro singoli, nel 2003 decidono di affidarsi al produttore Fabio Magistrali per dare alla luce il loro primo e attesissimo album, "Muscoli e Dei", in cui Pipitone da sfoggio di tutte le sue enormi doti da chitarrista, utilizzando un particolare accordo di chitarra che lascia invariate le prime quattro corde e varia solo le ultime due (in alcuni brani dell'album utilizza anche tecniche che Jimmy Hendrix era solito utilizzare durante i suoi concerti); il brano che più si distingue in "Muscoli e Dei" è senza ombra di dubbio "Vecchi difetti". Sulla scia del successo il duo diventa un trio, allargandosi grazie alla collaborazione del batterista Ivan Paolini e vengono premiati nel 2004 con il premio Mei come miglior band italiana. Il 2005 vede l'uscita del loro secondo album "C'è gente che deve dormire", in cui si distinguono i singoli "Perché non pesi niente e "L'abbandono"; la loro seconda fatica viene accolta con addirittura maggior entusiasmo rispetto al primo album, al punto che il live tour supera le 150 date in tutta Italia, facendo registrare il tutto esaurito. Dopo le fatiche del tour la band decide di allargare la collaborazione artistica a Paolo Pischedda, organista e tastierista siciliano che vanta anche collaborazioni con artisti internazionali, producendo il loro terzo album, "Sushi e cola" nel quale si distinguono per apprezzamento di critica e pubblico soprattutto i singoli "Non lo sanno","Cinestetica" e "La spesa". Il 2008 li vede nella veste di pionieri dei "Secret concerts", una particolare forma di concerto fatto direttamente a casa dei fan. Le loro ultime fatiche prima della partecipazione a Sanremo sono state la collaborazione alle musiche per la fiction Rai "Romanzo Criminale", per la quale spunta il brano "Commissario" e la produzione del loro ultimo album "Carne con gli occhi", in uscita a cavallo fra il 2010 ed il 2011. Analisi I "Marta sui tubi" si sono rivelati la nota positiva degli ultimi anni musicali in Italia a livello di gruppi, sicuramente i loro successi sia a livello di album sia a livello di concerti li porta a Sanremo con un discreto bagaglio di fan che,al momento del televoto, potrebbero anche risultare decisivi. La critica musicale ha dimostrato verso di loro una positiva attenzione, accogliendo sempre molto positivamente i loro lavori. Dato tuttavia che stiamo parlando della giuria tecnica di Sanremo (che spesso ha suscitato non poche critiche), potrebbe giocare a loro sfavore l'eccessiva attenzione che in tutti i loro lavori hanno dimostrato alla tecnicità. Massimiliano Bandini


    « Torna indietro | Fonte: Pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento