Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Libri su Prato"

Lunedì, 08 Marzo 2021 - aggiornato alle 11:28

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

3.322

26.075

379

2.063

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

Nessun articolo simile trovato
  • Torna indietro
    Libri 16/04/2012 alle 21:14 Firma: Caterina Roti www.pratoreporter.it Stampa articolo

    AMORE E SENTIMENTI SCRITTORE ANDREA FRANCESCHINI

     

     

    ANDREA FRANCESCHINI SCRITTORE

    AMORE E SEN TIMENTI

     

    “La necessità di scrivere”. Così sintetizza la sua passione, ormai professione, Andrea Franceschini, giovane e talentuoso scrittore emergente pratese.

    In questa ottica la scrittura diventa un impellente bisogno: “Quando arrivi a leggere una media di 50/60 libri all’anno” spiega Franceschini “si crea come un overdose interna che si riversa fuori”.

    Un primo approccio appassionato alla lettura è alla base di questo lungo processo che ha portato Andrea Franceschini a scrivere e pubblicare romanzi.

    L’avventura ebbe inizio nel lontano a.s. 1995/1996 quando la prof.ssa di Lettere del liceo C. Livi suggerì a Franceschini di frequentare un corso di scrittura creativa presso il Museo Pecci.

    Fu solo l’inizio, nel 2004 nasce il suo primo romanzo: “Folli ambizioni” un noir sul satanismo in Prato. Edito nel 2007 da Cicorivolta editore.

    “Un libro si legge, non si argomenta” ecco come vede Andrea Franceschini il rapporto con la lettura e quindi con i suoi lettori, “Occorre lasciare un’interpretazione soggettiva del romanzo che non necessariamente deve combaciare con quella dell’autore” conclude lo scrittore.

    Un genere, quello scelto da Franceschini, che esula la narrativa italiana, incentrata per lo più su tematiche di amore e sentimenti, che fa riferimento al romanzo mainstream sullo stile di Fabio Volo.

    “Dei pochi scrittori italiani contemporanei prediligo Faletti e il suo genere di thriller” commenta il giovane romanziere “ anche se io mi muovo sul noir e la mia musa é il Giappone”.

    Un amore incondizionato quello di Andrea per la terra del sol levante.

    “Ne subisco il fascino sin da quando ero ragazzetto” spiega “ prima i cartoni animati, poi la lettura dei manga fino alla scoperta del romanzo e di quel microcosmo che è la letteratura giapponese”.

    Da qui nasce la predilezione per scrittori come Murakami Haruku.

    Una cultura distante dalla nostra, fatta di pause, di narrazione e non di sola e pura azione.

    “Nella letteratura orientale si narra per narrare, non un fatto ma per rendere credibile l’onirico tramite il processo narrativo” dice Franceschini.

    Un processo, quello che porta alla stesura di un romanzo, che parte da una forte documentazione: “Tutto quello che scrivo parte dalle letture, dai numerosi viaggi in Giappone, da quanto ho assaporato personalmente”afferma.

    Il genere dei suoi libri è quello noir. “Se ambientati in Italia non avrebbero la stessa resa” spiega.

    Li definisce appunto horror alla giapponese, urban fantasy dove si distinguono componenti programmati sullo stile del film “The Ring”.

    Per Andrea Franceschini il romanzo è come uno schema su cui viene pianificata una storia, capitolo per capitolo, facendo tesoro di Stephen King l’esponente di spicco del thriller-noir.

    Sono ben 5 gli inediti, l’ultimo uscito “Niente è come sembra”, la cui produzione risale a cavallo del 2008-2009.

    Edito ibiskos, il libro racchiude al suo interno mondi paralleli strutturati in diversi piani di realtà tra cui l’onirico tanto da poter essere paragonato a un film di Tim Burton.

    Venerdì 25 maggio alle ore 21:30, verrà fatta una presentazione del romanzo, presente anche l’autore.

    L’incontro, “Giovani Holden” ,sarà coordinato da Maria B Balsamello e si terrà presso Gruppo culturale Fornace Pasquinucci, p.zza Dori, 50050 Capraia (FI)

    Caterina Roti

     

     

     

     

     

     


    « Torna indietro | Fonte: http://www.pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento