Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Lavoro su Prato"

Lunedì, 20 Maggio 2019 - aggiornato alle 14:48

Sanità | Ambiente | Traffico | Lavoro | Iscriviti gratis al giornale | Visite totali: 1.366.403 - Pagine viste: 15.557.601

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

8.407

103.758

147

1.945

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

  • Torna indietro
    Lavoro 31/01/2015 alle 13:31 Firma: AURELIO DONZELLA Stampa articolo

    I LAVORATORI DELL’ EURO TINTORIA

    I LAVORATORI DELL’ EURO TINTORIA:

    BECCHI E BASTONATI.

    C’ è un cancro che sta uccidendo progressivamente l’ economia del nostro distretto, e per la verità tutta quella del nostro paese, oggi è il turno dell’ EUROTINTORIA.
    Da domani gli ottantadue lavoratori di questa azienda saranno per strada: così ottantadue famiglie saranno senza sostentamento. Triste notizia, ma ormai abituale.
    Data la frequenza di simili notizie, purtroppo l’ opinione pubblica non ci fa più caso.
    L’ Eurotintoria, grosso modo, fa parte del gruppo SASCH, e ne sta seguendo le conseguenze.
    Già anni fa, sotto i colpi di questa crisi, dopo alcuni licenziamenti, gli operai rimasti furono costretti a decurtarsi il salario, pena la chiusura dell’ azienda. Loro si sono accollati questo sacrificio ed hanno continuato a lavorare ed a produrre.
    Nonostante questo sacrificio che si erano accollati, da Lunedì 2 febbraio rimarranno a casa.
    Becchi e bastonati: non rimane che questa triste e fuor di luogo battuta di spirito.
    D’ altro canto il nostro Parlamento ed il nostro Governo, sono affaccendati in tutt’ altre faccende molto più importanti, la legge elettorale, l’ elezione del Presidente della Repubblica e non hanno tempo da perdere sulle quisquiglie di chi perde il lavoro.
    Il nostro Governo e la Comunità Europea, non hanno tempo per risolvere i problemi del lavoro e la difesa dei nostri prodotti, in Italia tanto per fare un esempio consumiamo gli agrumi provenienti dalla Tunisia: eppure le soluzioni non sarebbero difficilissime, manca la volontà e solo la volontà di risolvere.
    Stiamo subendo completamente il gioco del capitale, questo non va in crisi.
    Il capitale persegue il proprio vantaggio: ha preso atto che la manodopera straniera costa meno e, almeno per ora, è più facilmente sfruttabile. I lavoratori italiani, quindi vanno eliminati in un modo o nell’ altro. Intanto introduciamo giornalmente centinaia di “rifugiati” con l’ operazione “mare nostrum” o “triton” che dir si voglia, e manteniamoli a spese della collettività, saranno più facilmente sfruttabili per alcuni decenni ed intanto i lavoratori italiani disoccupati, che muoiano pure, la cosa non ha nessuna importanza.

    AURELIO DONZELLA

     

       


    « Torna indietro | Fonte: http://www.pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento