Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Cultura su Prato"

Lunedì, 18 Novembre 2019 - aggiornato alle 17:21

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

13.565

118.703

774

28.904

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Articoli simili pubblicati

  • Lettera aperta al ..

    riceviamo e pubblichiamo lettera aperta al direttore paolo calamai dobbiamo fare chiarezza, gli attacchi.. Segue

  • Nencini:" cal..

    90! tombola! la paura....di ridere ridere fa benne alla salute nencini: "calamai e' un ramo secco con .. Segue

  • Calamai cenni-fatt..

    90! tombola! la paura...di ridere ridere fa bene alla salute calamai il terribile votate cenni-fa.. Segue

  • Paolo calamai pres..

    ridere e' un arte difficile far ridere è un’arte difficile, e far ridere con eleganza lo è.. Segue

  • Torna indietro
    Cultura 02/07/2016 alle 14:16 Firma: Paolo Calamai Stampa articolo

    PRATO UNA CULTURA INCOMPRESA

    ARTI VISIVE

     PARTECIPAZIONE 


    L'arte non consiste nel rappresentare cose nuove, bensì nel rappresentare con novità!

    Nella nostra Città mancano le risposte nell’ambito delle arti visive,  alla nuova domanda di partecipazione sociale.  Il passaggio dal modo individuale di produzione  dell’arte  a un processo socializzato  di elaborazione delle forme,  la crisi e la ridefinizione  del ruolo tradizionale  dell’artista, il superamento dell’aggregazione spontanea  attraverso il rapporto organizzato  con le forme e gli istituti  della partecipazione politica : “Sono questi i temi di discussione che mancano a Prato” Ci vuole esperienze diverse,  promozioni,  tese a superare  le difficoltà di socializzazione  del linguaggio,  delle forme, attraverso l’acquisizione  e la diffusione delle tecniche  dell’animazione  e dell’immediatezza della partecipazione. Devono essere coinvolti gli artisti locali e i cittadini. Questa promozione  manca nella nostra Città e l’assessore alla cultura del Comune di Prato  non l’ha ancora capito! Bisogna   investire in strutture espositive  estetiche e forme della vita associativa:” Arte e società”.

    Paolo Calamai  


    « Torna indietro | Fonte: http://www.pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    • calamai (il 18/12/2010) scrive:

      Consiglio il primo cittadino ROBERTO CENNI a perdere un poco del suo tempo PREZIOSO leggendo quello che i lettori pratersi espongono, CON I LORO MESSAGGI. sul giornale. CONOSCENDO LA SUA SENTIBILITA' CREDO CHE LO FARA' E NE TERRA' COMUNQUE CONTO. CALAMAI.

    • Stefano (il 18/12/2010) scrive:

      Cara Paola, concordo con le tue parole, ma devi sapere che al museo pecci ci sono grossi conflitti di interessi. Auguri e buone feste, Stefano

    • Paola Bortoletti (il 17/12/2010) scrive:

      Stefano@ quello che ho notato al Museo Pecci da parte dei dirigenti, è un atteggiamento (manifestazione) di arroganza e vanitosa superiorità, di eccessiva sicurezza o di ostentato compiacimento da parte di chi decide nella scelta degli artisti da esporre.. In realtà i risultati di queste mostre lasciano molto a desiderare. Non a caso il museo Pecci nella proposta culturale e artistica non è assolutamente all'altezza di altri musei d'arte contemporanea, in Italia e all'estero, E' considerato da questi, un museo di serie C. che non propone nulla di interessante.

    • Stefano (il 17/12/2010) scrive:

      Il museo Pecci, detto il "cimitero di Prato" , ha traslocato assieme a baracche e burattini nella città di Milano, in cerca di una misteriosa visibiltà. Dato che a Prato non l'ha mai avuta.

    • Fausto, artista (il 16/12/2010) scrive:

      L'Assessore alla Cultura del Comune di Prato è come se vivesse in una fiaba,, Non si accorge che esite una città di artisti che aspettano, da tempo, risposte concrete. Non so quale membro politico l'ha coronata assessoressa.. Sicuramente, non è stata una scelta delle migliori. Una cosa è certa, lei continua ad ignorare la realtà e a vivere felice e contenta nella fiaba.

    • Tommaso (il 16/12/2010) scrive:

      La pazienza, anche con i pazienti, ha un limite, ma la Beltrame forse non la percepisce..

    • Utente cancellato (il 16/12/2010) scrive:

      L' Assessore, si fa per dire, dovrebbe seguire un cosrso accelerato di conoscenza della Città prima ancora che della sua realtà artistica e culturale! Geronimo

    • Valerio (il 16/12/2010) scrive:

      Purtroppo continua l'ignominia dell'assessore alla cultura, Anna Beltrame. Mi domando, quanto durerà questo mutismo?

    • Miriam (il 16/12/2010) scrive:

      Se continua con questa chiusura mentale, l'assessore alla cultura Anna Beltrame sarebbe nelle condizionif di andarsene, senza mettere alcun cartello.

    • Savino Marseglia, curatore indip (il 16/12/2010) scrive:

      Parole impeccabili, mosse da un profondo senso di responsabilità, consapevolezza, sullo stato deleterio in cui versa l'arte e la cultura a Prato. L'assessore alla cultura, non può far finta di non capire, o di sfuggire ad ogni appello. La partecipazione degli artisti, operatori e creativi di Prato è un valore da ascoltare, da difendere e mai come oggi siamo convinti che proprio il pensiero, la cultura e l'arte richiedono un profondo senso di responsabilità e consapevolezza nel rispetto delle regole e a favore di tutta la città. Continuare a snobbare qualsiasi proposta culturale, significa uccidere la partecipazione degli artisti, dei cittadini e la democrazia. Per questo crediamo all'urgenza comune di un dialogo costruttivo e non più solo delle solite strategie politiche di mostre e eventi fantasmi.

    12 »

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento