Partecipa anche tu a Pratoreporter.it! - Dai il tuo contributo, fai sentire la tua voce! - Vuoi essere un giornalista, noi ti diamo la possibilità! - Vuoi bene alla tua città comunicaci le cose che non vanno e quello che vuoi mettere in risalto!
Logo Pratoreporter

"Notizie di Cultura su Prato"

Domenica, 17 Gennaio 2021 - aggiornato alle 12:46

90! Tombola! La paura........ di RIDERE!

Per la tua pubblicità qui

6.973

98.588

314

2.100

Sponsor

Creazione siti web

Di cosa parliamo..

Nessun tags al momento

Articoli simili pubblicati

Nessun articolo simile trovato
  • Torna indietro
    Cultura 07/12/2011 alle 23:20 Firma: Paolo Calamai Direttore Responsabile Stampa articolo

    Paolo Calamai libro di SATIRA grazie a tutti!

     Paolo Calamai libro di SATIRA

     

    INNANZI TUTTO RINGRAZIO TUTTI I PARTECIPANTI.

     

    Ringrazio e saluto l'amico Andrea Amerini Vice Presidente del Consiglio Comunale di Prato, che oggi rappresenta l'amministrazione comunale.

    Ringrazio il primo cittadino il nostro Sindaco Roberto Cenni, pardon....” il bipartisan” E Sua Eccellenza Mons. Gastone Simoni il nostro Vescovo di Prato, grazie alla loro generosità che mi hanno sostenuto seguito e incoraggiato in questa impresa non facile e non di poco conto, relativamente al problema organizzativo e finanziario.

    Ringrazio il giornalista Umberto Cecchi Presidente del Teatro Metastasio della Sua ospitalità e della Sua prefazione sul libro, che fa onore a tutta la Città.

    Ringrazio tutti indistintamente:” i collaboratori della redazione di pratoreporter.it" che si sono uniti in questo sforzo organizzativo di solidarietà.

     La dottoressa Ivana Ceccherini che mi ha sempre sostenuto personalmente e tramite la sua associazione Kantharus, di Firenze mi ha seguito e guidato nelle mie attività, rassegne, mostre, pittoriche sociali, senza scopo di lucro..

    La Dottoressa Gemma Brandi psichiatra psicoanalista ASL di Firenze per il Suo contributo.”ridere fa bene alla salute”

    Il personale e il responsabile del cerimoniale dell'ufficio Gabinetto del comune, che ci hanno offerto il loro contributo gratuitamente.

    E in ultimo il mio gruppo di giovani artisti che mi seguono ovunque, nel bene e nel male.

    Gli amici, DI SEMPRE:"  Marzia Fantugini, Alessandro Zella, Franck Tanon, Niccolo Lucarelli, Enrico Biancalani, il nostro bravissimo tecnico visivo del computer, Giampiero Delfine, Vasco Filippo,"  l'amico e collega artista sculture Enzo Pisaneschi uno dei titolari dell'Azienda Tecnotenda che insieme a me ha organizzato in questi ultimi anni rassegne culturali promozionali di solidarietà.

     DIRETE VOI!..... CHI MANCA ANCORA.? .Tanti altri artisti, mi scuso se non gli ho indicati. Mi sento in dovere pero' di informarvi e devo dirlo: - “per il sacro diritto della libertà dell'informazione che:” - LA STAMPA LOCALE A CUI VA TUTTO IL MIO PERSONALE RINGRAZIAMENTO PER IL LORO SILENZIO STAMPA DIMOSTRATO SULLA INIZIATIVA.

     ALCUNI ESEMPI

    1)oggi avrete pure voi notato che BISOGNAVA  AVERE 1O DIOTTRIE per ogni occhio, E DELLE LENTI SPECIALI AL LASER PER LEGGERE I TRE RIGHETTI APPARSI SULL'INIZIATIVA su un quotidiano.

     2)sull'altro, l'iniziativa DI OGGI,  è indicata per domani. GRAZIE,.....molte grazie.... DELLA VOSTRA SENSIBILITA' DIMOSTRATA! Oltretutto la stampa, non ha commesso alcuna imparzialità, non hanno pubblicato, ne i nominativi degli  ORATORI CHE PARTECIPAVANO, NE, PUBBLICATO gli altri ARTICOLI TRASMESSI DA PERSONALITA' CHE DESCRIVEVANO L'EVENTO.

     

    APRILE 1956

    Paolo Calamai aveva 16 anni ed era ancora ospite nella città di  Torino,  in un collegio S. Maria Ai Colli lungo in fiume Po, SUL VALENTINO, COME MUTILATINO di guerra,   IN COLLLEGIO,in mezzo a tantissimi altri ragazzi,  E FACEVO ALLORA LA TERZA CLASSE DI AVVIAMENTO PROFESSIONALE  QUANDO,  improvvisamente, SCOMPARVE DON CARLO GNOCCHI FONDATORE DELLA PRO-IUVENTUTE!

    LA DIMOSTRAZIONE DI AFFETTO DEI SUOI MUTILATINI E' STATA UNANIME. HO VOLUTO ACCENNARE A QUESTO PARTICOLARE, PER VOLER SIGNIFICARE il  MODO DI SENTIRE E DI MANIFESTARE GLI ORRORI DELLA GUERRA,  LE SOFFERENZE FISICHE E MORALI PATITE, da tanti ragazzi, LE MUTILAZIONI ORRENDE, CHE VITTIME INNOCENTI MINORI,  portano ancora il ricordo e RECANO QUALE IMMENSO dolore di sofferenze  A MONITO DEGLI UOMINI CHE LE HANNO CAUSATE, E CHE HANNO LASCIATO UN SOLCO indelebile NEL LORO SPIRITO.

    OGGI RIAPPARE,  NEL NOSTRO Paese,   SE PUR DIVERSO, UN MONDO DI SOFFERENZE, DI SCORAMENTO, FORSE DI DISPERAZIONE, CELATO SOTTO UN IMPENETRABILE E TRANQUILLO ASPETTO ESTERIORE.

    La nostra vita e' serena, semplice, anche se a volte sofferta, ma dopo una disgrazia, spesso non si trova più la tranquillità di una volta. La perdita del lavoro,  l'insicurezza del futuro, la crisi economica in corso, ci colpiscono profondamente. BISOGNA SUPERARE QUESTA CRISI economica che ci oscura, questo bruttissimo momento, TUTTI INSIEME. RIMBOCCARSI LE MANICHE, ABBRACCIARSI, TENERSI  stretti PER MANO, VOLERSI BENE, COME SPESSO IL NOSTRO VESCOVO  MONS. SIMONI CI INVITA A FARE. C'E' UN SOLO MODO: AIUTARE I PIU' DEBOLI. STRINGERSI INTORNO A LORO. Cerchiamo POI, di amare la vita e di ridere. RIDERE FA bene ALLA SALUTE.

    Paolo Calamai


    « Torna indietro | Fonte: Pratoreporter.it | Stampa articolo | Condividi: Bookmark and Share

    Foto..

    Commenti

    Siamo spiacenti ma non sono ancora presenti commenti

Lascia un tuo commento sull'articolo

Iscriviti gratis al sito o effettua il login per lasciare il tuo commento!
Come posso lasciare un commento a questo articolo?
  1. Iscriviti gratuitamente al sito di PratoReporter, clicca qui per procedere.
  2. Una volta fatto, accedi alla mail (che hai indicato in fase di registrazione) e convalida l'account appena creato.
  3. Adesso è sufficiente accedere al tuo account, clicca qui per effettuare l'accesso.
  4. Torna all'articolo e vedrai al posto di questo messaggio lo spazio per lasciare il tuo commento.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici, analitici, di terze parte e di profilazione di terze parti. Clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento